A Milano consegna gratuita e veloce in bicicletta per ordini superiori a 70 €

Contattaci allo 02.83660613

« Torna alla lista

Vini da (ri)scoprire #8: SAGRANTINO DI MONTEFALCO

16 gennaio 2017

La viticoltura umbra già da anni sta conoscendo una fase di rilancio e riscoperta. Nonostante non sia una regione particolarmente estesa troviamo diversi terroir differenti al suo interno; i principali sono la zona del lago Trasimeno, che condivide per vicinanza geografica con la Toscana la coltura del Sangiovese e presenta un clima fortemente mitigato dalla presenza del lago stesso, e la zona di Montefalco, zona collinare a sud-est di Perugia divenuta la patria del Sagrantino, e del vino da invecchiamento DOCG che ne prende il nome.
Il Sagrantino, citato già in documenti del XV secolo come vitigno “tipico” della zona, è da annoverare tra i vitigni a bacca rossa di grande concentrazione. Ossia, il vitigno tende a produrre una notevole quantità di polifenoli che, oltre al colore intenso, caratterizzano le sensazioni di struttura ed astringenza dei vini. Così come altri vitigni “simili” per caratteristiche (Croatina in Piemonte-Lombardia, Lambrusco in Emilia, Tazzelenghe in Friuli ecc.) per mitigare la naturale durezza tannica del Sagrantino in versione vino giovane divengono tradizionali stili di vinificazione alternativi: nel caso del Sagrantino in particolare per secoli è stato apprezzato nella veste di passito. Già dal 1979, anno del riconoscimento della DOC Sagrantino di Montefalco, si è invece cominciato ad applicare un più lungo affinamento, col risultato di ottenere vini di grande struttura con una maggiore finezza dei tannini.
Oggi queste sono le caratteristiche di questo vino: al naso le note di frutti di bosco si fondono con gli aromi terziari quali spezie e note tostate; al gusto la grande struttura è equilibrata dall'elevata morbidezza dovuta agli ottimi profili di maturazione che ha il vitigno in questo contesto pedoclimatico.
Nella versione di Villa Mongalli, Montefalco Rosso “Le Grazie”, troviamo Sagrantino in blend con Sangiovese, con un'affinamento in fusti di rovere di almeno 18 mesi

Alla prossima (ri)scoperta!
Guido Beltrami



Rosso di Montefalco "Le Grazie"

Villa Mongalli - 2011

Bottiglia:

.

13,50

+

Cassa 6 bottiglie:

€ 72,90 (-10%)

12,15 a bott.

+

-10%

Aggiungi selezione al carrello